Quando finisce Beautiful

foto-logo-beautiful.jpgSta per arrivare quel momento, nonostante lo avessimo considerato più improbabile della fine del mondo profetizzata dai Maya nel lontano 21 dicembre 2012.

Non vorrei dirvelo, ma qui succede che Beautiful finisce veramente, dopo 28 anni.

Alla luce dell’epocalità dell’evento, è stato possibile maturare le seguenti consapevolezze:

  • Non ci toglieranno mai dagli occhi l’immagine di Ridge Forrester che sfonda, con il suv, il cancello di Sheila la pazza per liberare le gemelline rapite, tantomeno il momento in cui ha scoperto di essere il figlio di Massimo Marone.
  • Non dimenticheremo mai tutte le volte in cui la matriarca Stephanie e la mantide Brooke, colei che ha scasciato decine di nuclei familiari, introdotto il concetto di famiglia allargata ed inguaiato inesorabilmente tutte la progenie femminile dagli anni ’80 in poi, si sono pigliate a mazzate e chiamate zoccola e puttana.
  • Non troveremo mai una spiegazione razionale alle resurrezioni extra pasquali di Macy e neppure al clamorosissimo ritorno in scena di Taylor dopo il rapimento da parte dello sceicco.
  • Accetteremo comunque con grande rammarico la condizione di perenne pesciabrodamma di Thorne Forrester e Dominick Marone, in confronto al loro fratello comune e ai loro padri differenti.
  • Ricorderemo sempre con grande ed ogni volta rinnovata meraviglia i fulminei passaggi d’età di Rick e Bridget e dei loro amici e parenti tutti, dagli anni dei trenini di legno a quelli delle vacanze di Natale e delle sciammere nello chalet in montagna.
  • Non ritroveremo mai più, sul piccolo schermo, un capello carminio come quello di Sally Spectra, neppure sulla testa di Osvaldo Bevilacqua.
  • Mai capiremo come abbiano fatto, in trent’anni, a disegnare bozzetti sempre più di merda senza migliorare neppure nella resa grafica.
  • Spereremo vivamente che mai più nessun essere umano decida di girare una soap opera su una casa di moda per il puro gusto di stendere un’altra uallera generazionale di simile portata.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s