Parliamo di Donald Trump anche questa volta

Trump tutto sommato tiene ragione; forse, se non avesse fatto tutti i soldi che ha, sarebbe stato considerato socialmente pericoloso esattamente come un qualsiasi viecchio vavuso e rattuso da cui comunemente si sta tiene alla larga. Immaginiamo di star attraversando una strada deserta e scarsamente illuminata a notte fonda e che, all’improvviso, si palesi questa entità chimerica avvolta in una sciarpa di lana a quadri, un trench marrone scuro lungo fino ai piedi, lo scarpino lucido a punta color testa di moro, gli occhi spiritati e ‘sta capa rossa a Picchiarello. Personalmente, uno scenario simile mi farebbe torcere di paura, essendo il candidato alla presidenza USA oggettivamente più brutto e spaventoso dei debiti del Malawi e del Sudan insieme, e sfido chiunque a continuare il cammino senza lasciarsi turbare un minimo. Lo vediamo per computer, per televisione e sui giornali, sappiamo che ruolo ricopre e quale vorrebbe avere e abbiamo imparato a esorcizzare la bestialità di questo essere senza umanità né valore particolare, il cui unico merito è stato quello di comprare un’immagine mediatica di risonanza mondiale e di farla inghiottire al prossimo come uno di quei polpettoni asciutti e indigesti che devi mangiare per forza, sennò pare brutto. Mi piace pensare che, se Trump non avesse avuto neppure una lira, a quest’ora gli davano retta al massimo i parenti che lo dovevano andare a ricogliere di notte nei night club per non fargli frusciare subito subito tutta la pensione.

One thought on “Parliamo di Donald Trump anche questa volta

  1. Effettivamente la faccenda dovrebbe indurre a riflettere su cosa è diventato il mondo e su come funzionano le cose. Questi, invece, se ne escono con il sessismo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s