Don’t Trump this at home

Trump blocca l’immigrazione per tre mesi, impedendo ai cittadini islamici di raggiungere gli Stati Uniti: una linea dura che stride con la tenerezza del recente video con la bellissima e santissima Ivanka moglie et madre insieme al bambino piccolo che gattona sui tappeti della Casa Bianca, attorniati dalla servitù, in una scenicità domestica che in confronto il concetto di lusso della Russia zarista sembrerebbe piuttosto conforme al principio della frugalità monastica. Il super presidente chiude le frontiere con l’abusatissimo alibi della lotta al terrorismo nella sibillina volontà di difesa dell’autenticità della razza di un popolo di merda – è sempre bene ricordarlo – mentre si dichiara favorevole alla tortura: peccato che, ai tempi in cui si occupava di wrestling, Undertaker non abbia pensato nemmeno mezza volta di accalappiarlo con la scusa delle puttane nel camerino e di usarlo per un sacrificio umano in una messa nera. Non resta che sperare che qualcuno gli apra il mazzo in diretta mondiale con la seguente scritta in sovraimpressione: “don’t try this at home”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s