Compiti per tutti

C’erano i cartoni animati e i telefilm con i cani che correvano e i padroni che lanciavano il bastoncino per farlo riportare indietro, così da valutare il grado di intelligenza dell’animale qualora fosse riuscito a compiere l’azione. Questo è un topos che ha molto segnato gli anni ’90 ed è stato rivoluzionario almeno quanto quello del contatto visivo, che tanto piaceva già ai poeti provenzali. Se Rob Brezsny assegna i compiti a tutti, stavolta chiedendo quali sogni i lettori vorrebbero realizzare entro il 2025, lo si può fare fesso facilmente, falsificando una firma sul libretto delle giustifiche e dando la colpa al cane che ha aggressivamente​ mangiato il quaderno perché si era veramente scocciato di raccogliere oggetti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s