Asia strikes again

Pare che il piattino ad Asia Argento lo abbia preparato la fidanzata di Rose McGowan, ex di Marilyn Manson e soprattutto Paige di Streghe. La compagna di Rose si chiama Rain come la pioggia e di cognome fa Dove come il sapone: se è vero che una mano non lava l’altra, è naturale che il movimento #MeTeo sia finalmente prossimo alla fondazione e che il surriscaldamento globale si confermi campione di tutti i tempi a X Factor. Dirige l’orchestra, ad ogni modo, il maestro Beppe Vessicchio, perché anche Morgan con certe dinamiche non vuole avere più niente a che fare ed è il caso che adesso se la piangano da soli.

Vi porto alle elezioni col furgone

Se lo arrestano porta tutti alle elezioni: mentre i suoi sostenitori parlano di attacco coordinato e colpo di stato intentato dal PD, ed è adesso il caso di dire che “il cane morde sempre lo sciancato”, Salvini rilancia la storia del ponte di Genova per avvalorare la sua posizione con “lì non c’è un indagato”. Sicuramente gli importa veramente tanto di quel disastro: quando sono morte le 43 persone di cui parla, tra le innumerevoli manifestazioni della sua infinita miseria umana, aveva in quel caso spostato l’attenzione sempre sulle solite questioni dell’immigrazione per fare un poco di autocelebrazione, probabilmente guidato dalla suggestione delle scene rupestri di caccia al bisonte che ha incise nel cervello, a dimostrazione del fatto che è in pieno delirio di onnipotenza. Probabilmente è poco anche il carcere, per uno psicopatico che, pur di avere potere, non si fa scrupoli a mettere a repentaglio delle esistenze, sfruttando come gli pare i vivi e i morti. Quando finirà tutto questo delirio collettivo e quest’allucinazione enorme a sostegno della sua persona e delle sue posizioni cieche, forse si potrà cominciare a parlare di civiltà anche in Italia.

Quando Morandi non è Gianni

È triste constatare come, proprio in un momento così delicato, i due Vicepresidenti stiano mandando in avanscoperta la marionetta di Conte a dire e fare e stronzate per manifesta incapacità: anziché provare a capire come affrontare l’enorme problema del ponte a Genova, magari rivolgendosi a personalità realmente competenti, stanno continuando a gettare il fumo negli occhi. Salvini, dopo la scontata figura di merda di qualche giorno fa con l’ennesima questione Aquarius, non ha saputo dire altro che secondo lui la soluzione più corretta in questo momento e nell’immediato sia quella di sospendere i pagamenti dei pedaggi autostradali. Avendo comunque avuto cura di mostrarsi al popolo mentre sgrufolava torta come il maiale che è, ha permesso a Di Maio di cogliere questo suo fugace attimo di distrazione per provare a vestirsi un po’ di carattere, mettendo in mezzo la storia dei soldi che Benetton avrebbe speso per pagare la campagna elettorale del PD. Ancora una volta, il governo del cambiamento dei fascisti santarellini del cazzo, antepone questioni prettamente economiche ad altre di ordine emergenziale e fa fessi tutti quanti, speculando sul dolore di chi ha perso gli affetti e le case. D’altro canto, non hanno avuto cura nemmeno di spendere tre parole sulla morte di Rita Borsellino, dimostrando di non essere credibili nemmeno nella loro infinita paraculaggine.