Il martello

Diedero al popolo il Grande Fratello VIP e i flash mob e levarono di mezzo tutto il resto, abbagliandolo con la paura dei neri. Rita Pavone era stata appena riprogrammata per la kermesse musicale dell’anno, nonostante le sue nostalgie giovanili la facessero propendere verso uno stucchevole sciovinismo sovranista, che le sottraeva energie preziose. Analogamente, fu il turno di Rita Dalla Chiesa, che solo il vecchio Santi Licheri riusciva a rabbonire utilizzando lo stesso martello di cui cantava la sopracitata cantante. Questo tòpos del martello, in un’epoca di verità falciate, si ergeva minaccioso e ricorrente in una fluidità di informazioni artefatte e per certi versi incontrovertibili ma niente poteva contro l’interrogativo che stava tormentando grandi e piccini: Emanuele Filiberto avrebbe davvero rinunciato al titolo nobiliare?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s